Restituita stringa vuota

Affari in corso

27 DICEMBRE 2017

18:25 - Argentina

IL GOVERNO PREPARA UN BOOM DI OPERE PUBBLICHE PER IL 2019 - PART 1

(ICE) - ROMA, 27 DIC -

Anche se nel 2018 cadrà in termini reali, ci saranno più fondi per progetti a lungo termine nell'anno elettorale; il numero potrebbe essere più alto se gli accordi PPP sono chiusi

Con la strategia del corridoio che gestisce le sue forze per distribuirle completamente nello sprint finale, il governo ridurrà l'anno prossimo in termini reali l'investimento in opere e acquisti per progetti a lungo termine, per poi aumentarlo esponenzialmente nel 2019, quando verrà definita una possibile rielezione di Mauricio Macri.

Come si può vedere dai documenti ufficiali ai quali LA NACION ha avuto accesso, per quell'anno sono previsti investimenti per 48.285 milioni di dollari, il 253% in più rispetto al 2018.

Il governo è obbligato ad anticipare il Congresso, attraverso il bilancio del 2018, che è stato approvato la scorsa settimana dai deputati e si è rivolto al Senato, che sarà l'appalto di lavori e l'acquisizione di beni e servizi con incidenza negli anni futuri. Sebbene questa voce comprenda solo una parte degli investimenti dello Stato, è una road map che ci consente di notare piani ufficiali a medio termine.

- Da queste forme è chiaro che i fondi per questo tipo di iniziative raggiungeranno $ 13,681 milioni l'anno prossimo. Questo dato è superiore del 18% allo stesso numero di quest'anno, quindi implica una riduzione in termini reali, a causa delle previsioni di inflazione stimata per quest'anno che vanno dal 22 al 24%.

Per gli investimenti statali, la situazione cambierà drasticamente nel 2019, quando il futuro del progetto di energia Cambiemos sarà definito per i prossimi quattro anni. Non solo per la ristrutturazione della Casa Rosada, ma anche per le elezioni del governatore nelle province e ilcambio di una parte significativa dei legislatori nazionali.

La pianificazione ufficiale indica che per quell'anno, secondo le previsioni, gli investimenti dello Stato per 48.285 milioni di dollari sono già definiti.

In pratica, ciò implica un aumento di quasi il 253% rispetto al periodo precedente nel bilancio ufficiale (in un contesto in cui l'inflazione sarebbe orientata verso il basso, in base a calcoli pubblici e privati) per progetti a lungo termine, che saranno rovesciato sulla strada nel bel mezzo della corsa al proselitismo.

Anche se ha già tracciato il percorso, il governo spera di ottenere ulteriori lettere da giocare nel gioco di opere pubbliche che potrebbe modificare i suoi piani originali. Questi sono i cosiddetti contratti di partecipazione pubblico-privato (PPP), che prevedono il finanziamento da parte di investitori privati ​​in cambio di un futuro rimborso a progetti considerati rilevanti dallo Stato.

È, tuttavia, un punto interrogativo, sia dal punto di vista della politica che dell'economia. Succede che, sebbene la legge sui PPP sia stata approvata più di un anno fa, le iniziative sotto questo ombrello devono ancora essere attuate. Inoltre, le previsioni ufficiali mostrano che oltre 61 progetti sono finanziati attraverso questo canale, sebbene le assegnazioni precise non siano ancora state assegnate anno dopo anno, come nel caso delle opere che saranno finanziate con fondi pubblici.

Secondo Fausto Spotorno, direttore del Center for Economic Studies della società di consulenza di Orlando Ferreres, una delle ragioni per cui l'investimento diretto cadrà l'anno prossimo è perché il governo si aspetta di ottenere finanziamenti tramite PPP. E concorda sul fatto che nel 2019 l'investimento pubblico verrà ampliato nell'ambito della corsa elettorale.

Qualcosa di simile ritiene Walter Agosto, ricercatore di Cippec, che ha sottolineato che sebbene ci siano $ 210.000 milioni di spese in conto capitale pianificate per il prossimo anno, ci sono anche altri $ 350.000 milioni corrispondenti al PPP.

Le province hanno beneficiato

Per quanto riguarda le risorse il cui utilizzo è già stato definito dallo Stato, quasi tutte le province si troveranno ad affrontare 2019 con più fondi per finanziare progetti su larga scala.
(ICE BUENOS AIRES)