Restituita stringa vuota

Affari in corso

29 DICEMBRE 2017

15:00 - Argentina

LA CATENA DI PRODUZIONE DI CARNE BOVINA, AVIARIA E SUINA INIETT 12.000 MILIONI
DI DOLLARI NELLA PROVINCIA DI BUENOS AIRES

(ICE) - ROMA, 29 DIC -

La provincia di Buenos Aires è stata consolidata quest'anno come il maggiore produttore di carni bovine e suine nel paese e la seconda nella produzione aviaria (dopo Entre Ríos).

Oltre alle inondazioni che hanno colpito la sua produzione durante l'anno, lo stock di bovini di Buenos Aires è cresciuto del 4% rispetto al 2016, il che ha aumentato la produzione del 3% e il 9% del reddito in valuta estera.

Lo rivela un rapporto della Fondazione per lo sviluppo agricolo argentino (FADA), che aggiunge che nel caso delle carni di pollame, il mattatoio è cresciuto del 5% e l'entrata in dollari dell'export del 24%; mentre nel maiale, le esportazioni sono aumentate del 73% e gli ovini sono aumentati del 64%.

"Se aggiungiamo il consumo interno più le esportazioni, le catene di carne di animali delle specie aviarie, bovine e suine iniettano 11,964 milioni di dollari USA all'anno per l'economia provinciale", ha affermato David Miazzo, capo economista della FADA.

Da questo movimento, si specifica che la catena principale è bovina, che rappresenta il 59% della produzione totale di carne, seguita da pollame (29%), suino (11%) e pecore (0,16). %).

In totale, la provincia ha prodotto 2,3 milioni di tonnellate di carni quest'anno. L'importanza della provincia come produttore è espressa in quanto rappresenta il 52% della produzione di bestiame del paese e il 53% della produzione nazionale totale di suini. Nella carne aviaria produce il 33% del totale nazionale. Solo nel suo trasporto, la catena genera oltre 1900 lavori.
(ICE BUENOS AIRES)