Restituita stringa vuota

Affari in corso

05 GENNAIO 2018

20:00 - Argentina

CON RECORD DI IMPORTAZIONI, LA VENDITA DI AUTOVETTURE 0 KM HA AVUTO UNO DEI SUOI
MIGLIORI ANNI DI STORIA

(ICE) - ROMA, 05 GEN -

Nel 2017 sono stati piazzati 900.942 veicoli, il secondo tra i migliori marchi, dopo il 2013; i brasiliani, in cima alla classifica

Nel 2017, la vendita di auto a 0 km ha raggiunto la seconda tra le migliori marche della storia. La buona notizia per un settore che spinge in tal modo i loro produzione e commercializzazione rivitalizza e servizi della catena contiene due caratteristiche: in primo luogo, nella lista delle 10 auto più vendute la maggior parte sono brasiliani. Dall'altro, i concessionari lamentano che l'eccesso di offerta sul mercato ha lasciato praticamente la redditività sul mercato.

L'Automotive Dealers Association of Argentina (Acara) ha riferito ieri che il numero di veicoli brevettate nel mese di dicembre di quest'anno è pari a 47.517, con un incremento del 16,9% rispetto allo stesso mese del 2016. Così il cumulativo Il 2017 è stato completato con 900.942 unità, che hanno consolidato un aumento del 26,9% rispetto al 2016, quando erano stati brevettati 710.013 veicoli.

L'anno record era il 2013, quando nel mezzo di un'enorme bolla per la mancanza di dollari finirono per vendere 956.632 unità. Tuttavia, i numeri dell'anno sono stati superiori a quelli previsti dagli specialisti, che hanno anticipato una vendita di 880.000 veicoli quest'anno. Entro il 2018 si stima che le vendite possano raggiungere l'obiettivo di un milione.

L'auto più venduta dell'anno è stata la Volkswagen Gol (44.845 unità), prodotta a Tabuaté, in Brasile. Renault Sandero seguì la -nonostante ha cominciato ad essere prodotto nel paese, il volume più grande deriva dal più grande membro del Mercosur, la Chevrolet Onix (Gravataí), la Toyota Etios (Soracaba) e la Chevrolet Prisma (Gravataí). Poi arrivarono la Ford K, la Fiat Palio, la Peugeot 208, la Ford Ford Fiesta Kinetic e la Ford Focus III. L'unico prodotto interamente nel paese è l'ultimo della lista, nello stabilimento Pacheco. Fino a novembre, nel rapporto cumulativo dello scambio commerciale argentino (ICA), le esportazioni di automobili erano la voce, per quantità, che aumentava di più in undici mesi all'interno delle importazioni: aumentavano del 43,1%. Tanto che questa settimana il Brasile ha registrato un enorme surplus della sua bilancia commerciale grazie agli acquisti di minerale di ferro dalla Cina e auto dall'Argentina.

"Il mercato ha reagito a una maggiore concorrenza, che è molto buona", ha detto Martín Etchegoyen, segretario dell'Industria, a LA NACION. "Ciò spinge molto all'importazione, ma attira anche la produzione locale, poiché un mercato di queste dimensioni si consolida, l'esportazione e la produzione locale saranno rafforzate", ha detto il funzionario, che ritiene che i terminali locali saranno in grado di per bilanciare la bilancia commerciale squilibrata con il Brasile nei prossimi anni grazie alla crescita stimata del mercato automobilistico del 10% per quest'anno e al lancio nel 2018 di prodotti destinati all'esportazione da Fiat (il mese prossimo a Córdoba ) e i pick-up Nissan e Renault.

"Alla fine abbiamo superato le 900.000 unità, qualcosa che è diventato un obiettivo impensabile", ha dichiarato Dante Álvarez, presidente di Acara. "Ciò che spicca di più è lo sforzo che l'intera rete di concessionari ha fatto per soddisfare i clienti nel tempo e nella forma, nonostante abbia lavorato con redditività molto bassa o nullo", ha affermato.

Il mercato in numeri

Incremento del 43,1% delle importazioni in 11 mesi

Fu, secondo l'Indec, l'aumento delle quantità di veicoli importati fino a novembre. È il più alto tasso di aumento tra gli acquisti all'estero

Aumento del 44,6% delle vendite di motocicli nell'anno

Era il tasso di crescita dello scorso anno 2016. Secondo Acara, nel 2017 sono state vendute 687.966 biciclette. Era il secondo dei migliori marchi della storia

(ICE BUENOS AIRES)