Restituita stringa vuota

Affari in corso

10 GENNAIO 2018

18:00 - Argentina

GLI ARGENTINI CONSUMANO CIRCA 13 MILIONI DI PAIA DI OCCHIALI ALL'ANNO, MA SOLO
2,5 milioni vengono prodotti. L'attività illegale muove 32 milioni di dollari

(ICE) - ROMA, 10 GEN -

n Argentina, come nel resto del Sud America, occorre rafforzare i controlli di qualità nella produzione di occhiali. Gli argentini consumano 13,5 milioni all'anno, ma la produzione interna e le importazioni formali coprono a malapena un terzo delle vendite. L'offerta nelle spiagge di Buenos Aires si è moltiplicata, con l'ignoranza sugli effetti nocivi nella visione a medio e lungo termine.

Ci sono attualmente 50 fabbriche nel paese che producono circa 2,5 milioni di paia di occhiali. Lo sviluppo della produzione nazionale era legato al desiderio degli imprenditori che sceglievano di produrre secondo un quadro internazionale o al ritmo della sua maggiore redditività; tutto ciò consentito dall'assoluta mancanza di norme che regolano l'attività locale. Vale a dire che dipendeva da loro se una montatura e le sue lenti erano ben fatte o erano, nel migliore dei casi, inutilizzabili.

In cifre pubblicate dalla Camera Argentina delle Industrie Ottiche e Affini (Cadioa), in Argentina si stima un consumo di occhiali da vista con prescrizioni di 7 milioni all'anno e occhiali da sole di 6,5 milioni all'anno. In totale, gli argentini consumano circa 13,5 milioni, con  produzione nazionale di solo 2,5 milioni e gli importatori formali entrano da 1,5 a 2 milioni in più.

Gli imprenditori nazionali richiedono l'applicazione di regole di qualità per aumentare la produzione locale, e di conseguenza l'occupazione. Secondo stime, l'applicazione di standard tecnici internazionali come in Europa o USA può triplicare la forza lavoro locale.

La proposta di Cadioa, che studia l'ANMAT, mira a uno standard con un controllo sufficiente a garantire certezza dell'origine, tracciabilità e materiali con cui sono stati prodotti gli occhiali, come in Europa e negli Stati Uniti. In un'utopia era il modello australiano, in cui la produzione incontra un regime rigoroso.

(ICE BUENOS AIRES)