Restituita stringa vuota

Affari in corso

21 GIUGNO 2018

15:08 - Argentina

L'ARGENTINA RITORNA ALLA CATEGORIA DI MERCATI EMERGENTI E APRE LE PORTE ALL'
ARRIVO DEI CAPITALI ESTERNI

(ICE) - ROMA, 21 GIU -

L'Argentina ritorna alla categoria di mercati emergenti e apre le porte all'arrivo di capitali esterni

Dopo nove anni, l'Argentina ha ottenuto la promozione desiderata. La società Morgan Stanley Capital International (MSCI) ha riclassificato il paese come "mercato emergente" e lo ha messo alla pari con economie come Cina, Brasile, Colombia o Russia, una decisione che dovrebbe incoraggiare l'arrivo di capitali, investimenti e fornirà carburante per l'economia.

La decisione dell'MSCI ha fornito un nuovo segnale di fiducia nei confronti dell'Argentina, accompagnata da un chiaro sostegno al processo di riforme intrapreso dal governo di Mauricio Macri e dalla sua strategia di reinserire il paese nel mondo per sostenere gli investimenti stranieri. Il riconoscimento è venuto in un momento propizio, nell'epilogo della corsa di scambio che ha costretto il governo a ricalibrare il "gradualismo" e girare al Fondo Monetario Internazionale (FMI) in fondi freschi, e aveva finito per soffocare la ripresa che aveva mostrato la economia negli ultimi mesi.

L'Argentina non sarà più un mercato "di frontiera", una categoria a cui il Paese era caduto nel 2009, quando il governo di Cristina Kirchner ordinò restrizioni al movimento di capitali stranieri. La decisione ha messo il paese allo stesso livello delle altre principali economie in America Latina, Brasile, Colombia e Messico, che erano già presenti insieme a Cile e Perù.

"Sostenendo l'inclusione dell'Arabia Saudita e Argentina nei mercati emergenti, gli investitori istituzionali internazionali hanno confermato che ora possono e sono pronti ad entrare ed operare in questi mercati", ha dichiarato Sebastien Lieblich, CEO di MSCI nel comunicare la decisione .

"Queste inclusioni porteranno all'espansione del set di opportunità di investimento globali", aggiunse.

La società ha anche indicato che "gli investitori istituzionali internazionali hanno espresso la loro fiducia nella capacità del Paese di mantenere le attuali condizioni di accesso al mercato azionario", un fattore chiave nella decisione.

I primi e principali beneficiari della misura saranno le 10 società argentine quotate a Wall Street e sono incluse nell'indice argentino della MSCI, che lascerà il prossimo maggio, la categoria "mercati di frontiera" per passare a "Mercati Emergenti" . Queste società sono le banche Galicia, Macro, Supervielle e BBVA; la compagnia petrolifera di stato YPF; le compagnie energetiche Pampa Energía e TGS; Telecom, Globant e Adecoagro.
(ICE BUENOS AIRES)