Restituita stringa vuota

Panorama Internazionale

27 AGOSTO 2018

15:30 - Romania

TRANSGAZ HA INIZIATO I LAVORI ALLE CONDOTTE DEL PROGETTO BRUIA E SI PREPARA PER
l’inizio dei lavori alla condotta di trasporto del gas dal Mar Nero

(ICE) - ROMA, 27 AGO -

Transgaz ha iniziato i lavori di montaggio delle prime condotte del progetto BRUIA sul cantiere della zona di Recas, Regione Timis. Il materiale tubulare, le curve e le condotte sono forniti dalla società turca Toscelik Spiral Boru Uretin Samayi, in base ad un contratto di 126,9 milioni di euro firmato ad aprile 2018 e l’ordine dell’inizio lavori è stato dato il 12 maggio 2018.
Oltre al materiale tubulare, le tre stazioni di compressione necessiteranno di investimenti di 288,7 milioni di lei (64 milioni di euro) per le quali è stato rilasciato l’ordine di inizio dei lavori il 14 aprile. Il contratto per i gruppi di compressione arriva a 37,8 milioni di euro, mentre l’esecuzione di tre fili lineari costerà 26,3 milioni di euro, 34,5 milioni di euro e rispettivamente 34,4 milioni di euro.
I rubinetti costeranno 4,8 milioni di e euro e le giunture elettro isolanti 528.000 euro. Il finanziamento ricevuto da parte della Commissione Europea e’ stata di 179,3 milioni di euro, rappresentando il 40 % dei costi totali.
A marzo 2018 Transgaz ha richiesto un prefinanziamento di 13,8 milioni di euro che è stato ricevuto a maggio.
La prima fase del progetto BRUIA che si stima di essere messo in funzione a dicembre 2019 necessita un investimento totale di 478,6 milioni di euro.
Secondo il rapporto per i primi sei mesi del 2018, Transgaz ha firmato contratti e rilasciato ordini di inizio lavori per circa 335 milioni di euro (fino ad oggi) per la realizzazione sul territorio della Romania della condotta BRUIA e ha ricevuto un finanziamento di 13,8 milioni di euro dalla Commissione Europea.
 
Transgaz investirà 360 milioni di euro per la realizzazione della condotta telescopica Tuzla- Podisor che trasporterà il gas del Mar Nero. L’obiettivo dell’investimento in valore di 360,36 milioni di Euro è di collegare le risorse di gas naturale esistenti sulla riva del Mar Nero con il corridoio Bulgaria-Ungheria-Austria, assicurando la possibilità di trasportare il gas verso la Bulgaria e Ungheria attraverso le connessioni esistenti Giurgiu- Ruse (Bulgaria) e Nadlac-Szeged (Ungheria). La condotta che avrà 308,3 km e la capacita di trasporto di 8,14 milioni di metri cubi all’anno si collegherà con la condotta internazionale di trasporto Tranzit 1 (Isaccea- Negru Voda). Al momento sono finalizzati gli studi di fattibilità e di impatto sull’ambiente ed è stata rilasciata l’autorizzazione per la costruzione. La decisione finale di investimento sarà presa nel 2018 e la costruzione è prevista per 2019-2020.
La messa in funzione stimata da Transgaz è per 2020, ma il calendario potrebbe subire modifiche secondo l’evoluzione dei progetti offshore collegati.

(ICE BUCAREST)