Restituita stringa vuota

Panorama Internazionale

09 OTTOBRE 2018

12:55 - Romania

POTERE D’ACQUISTO IN ROMANIA +7,8% NEL 2017 RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE

(ICE) - ROMA, 09 OTT -

La Romania con un aumento del 7,8% del potere d'acquisto registra la più alta crescita nell’Europa nel 2017. È quanto emerge dall’indagine GfK dedicata all’andamento del potere d’acquisto in Europa. A livello europeo, la ricerca dimostra che l'anno scorso, tutti i cittadini, provenienti dai paesi dell'Unione europea (UE) in esame, avevano un potere di acquisto medio pro-capite di 16.436 euro, pari a un aumento nominale del 1,9% rispetto all'anno precedente.

La Romania con un aumento del 7,8% registra la più alta crescita in termini di potere d'acquisto, ma il valore di 4.556 euro/pro-capite rimane bassa e rivela “il grande divario tra i paesi dell'Europa in termini di benessere della popolazione".

"Il potere d'acquisto misurato da GfK corrisponde al reddito della popolazione netto disponibile, compresi i contributi pubblici - pensioni, aiuti statali alla disoccupazione e indennità per bambini. La popolazione usa il suo potere di acquisto per coprire le spese per il cibo, per le spese condominiali, servizi, vacanze, assicurazioni, pensioni privati e acquisizioni dal retail. Nonostante l'aumento del potere d'acquisto registrato l’anno scorso rispetto al 2016, esso rimane tra i più bassi in Europa. La situazione è simile a quelle dell’Ucraina, Bulgaria, Serbia, Bosnia - Erzegovina, Macedonia e parte della Turchia. Le regioni del paese in cui il potere l'acquisto è più alto sono Bucarest e Cluj, Timis, Alba, Sibiu, Brasov, Prahova, Arges, Constanta. Le provincie che hanno subito un piccolo salto per quanto riguarda il potere d'acquisto sono: Arad, Hunedoara e Mures", mostra lo studio GfK.

(ICE BUCAREST)