Restituita stringa vuota

Affari in corso

12 OTTOBRE 2018

11:52 - Angola

INVESTIMENTO STRANIERO CON RENDIMENTO DEL 50%

(ICE) - ROMA, 12 OTT -

Il ritorno degli investimenti esteri in Angola, dal 2002 al 2017, è stato del 50%, mentre il capitale investito dagli Angolani in altri Paesi ha avuto un ritorno solo al 2%, rivela il Rapporto Economico dell'Angola 2017, dell'Università Cattolica, divulgato a Luanda.
Nello stesso periodo (dal 2002 al 2017), gli investimenti angolani all'estero hanno totalizzato USD 213 miliardi, mentre gli investimenti esteri nel Paese hanno raggiunto 188,4 miliardi di dollari statunitensi.
Secondo la pubblicazione sopra citata, del Centro di Studio dell'Università Cattolica, le compagnie straniere che operano nel Paese hanno guadagnato USD 4 miliardi l'anno.
A questo proposito, il professore e ricercatore economico Francisco Paulo, che ha parlato alla sessione di lancio del Rapporto Economico, ha consigliato agli investitori angolani di investire nel Paese, consigliando di non investire all'estero visto che il rendimento del capitale applicato è solo del 2%.
Il professore universitario ritiene inoltre che il paradigma della politica economica debba essere modificato, con un'attenzione particolare per le imprese, in particolare quelle micro e piccole, per la creazione di beni e servizi.
A suo avviso, lo Stato dovrebbe coordinare gli sforzi per rendere il tasso di interesse nelle banche commerciali vantaggioso per gli investimenti privati e conseguire tassi di crescita più elevati e la conseguente creazione di posti di lavoro, attraverso le imprese che necessitano di finanziamenti.
Riferendosi al comportamento delle riserve internazionali nette interne, che consentono al Paese di importare, ha detto che il punto più alto è stato nel 2013, quando hanno raggiunto USD 30 miliardi.
Fino ad agosto 2018, le riserve erano di circa USD 12 miliardi, per coprire sette mesi di importazioni.
(ICE LUANDA)