Restituita stringa vuota

Panorama Internazionale

27 NOVEMBRE 2018

12:35 - Romania

LA CRESCITA ECONOMICA DELLA ROMANIA NEL TERZO TRIMESTRE E' STATA LA PIU'
IMPOTRANTE DELL'UE RISPETTO AL SECONDO TRIMESTRE.

(ICE) - ROMA, 27 NOV -


La crescita economica della Romania nel terzo trimestre dell'anno è stata la più importante dell'UE, l’1,9% rispetto al trimestre precedente, secondo i dati Eurostat. La Romania è seguita dalla Lettonia con l'1,8% e dalla Polonia con l’1,7%.

        Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, la crescita economica della Polonia è pari al 5,7%, seguita dalla Lituania con il 5,5%, dall'Ungheria con il 5%, dalla Slovacchia con il 4,5% e dalla Romania dal 4,1%.
Il PIL dell'area euro è cresciuto dello 0,2% e dello 0,3% nell'Europa28 rispetto al trimestre precedente e, rispetto al terzo trimestre del 2017, la crescita dell'area euro è dell'1,7% e dell'1,9% nell'UE28.
       Per fare un confronto, il PIL statunitense è aumentato dello 0,9% rispetto al secondo  trimestre e del 3% rispetto al terzo trimestre 2017.
Il prodotto interno lordo è aumentato nel terzo trimestre al 4,3% su serie lorda e al 4,1% su base stagionale, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre rispetto al secondo trimestre è stato dell'1,9%.
Tra gennaio e settembre, il PIL è cresciuto del 4,2%, sia su serie lorda che su serie stagionale.


I dati arrivano in un contesto in cui molti analisti aspettavano il rallentamento dell' economia.

L'aumento del 4,3% nel terzo trimestre si verifica dopo un aumento del 4,1% nel secondo trimestre e del 4% nel primo trimestre, rispetto ai periodi analoghi dell'anno precedente.
        Inoltre, il tasso trimestrale dell'1,9% è superiore a quello del secondo trimestre dello 1,5% e dello 0,3% del primo trimestre.

È possibile che gli ottimi risultati ottenuti nell'agricoltura abbiano influenzato l'evoluzione del PIL più del previsto.
        L'aumento della crescita è tanto più rilevante in quanto nel terzo trimestre 2017 l'economia è aumentata dell'8,8%, un punto di partenza importante.
        In queste condizioni, è molto probabile che l’aumento del 4,5% sarà raggiunto nel 2018, così come stimato dalla Commissione nazionale Prognosi, secondo i nuovi dati riportati in autunno.

(ICE BUCAREST)