Restituita stringa vuota

Panorama Internazionale

30 LUGLIO 2019

23:32 - Argentina

GARA PER IL GASDOTTO DI VACA MUERTA (DA NEUQUÉN A BUENOS AIRES)

(ICE) - ROMA, 30 LUG -

Domani, 31/7/2019 sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando di gara per la prima sezione del nuovo gasdotto che unirà il pozzo di Vaca Muerta (in provincia del Neuquén) con il quale, secondo fonti governative, il Paese sarà in grado di smettere di importare il gas che entra attraverso Escobar durante l'inverno (c'è un contratto in vigore con la Bolivia fino al 2026).

Il gasdotto è già noto come TGC, per "Transportadora Gas del Centro", e gli interessati avranno il tempo di presentare le loro proposte fino al 20 settembre. Il vincitore sarà conosciuto ad ottobre.

La prima sezione, da Neuquén alla città di Salliqueló a Buenos Aires, costerà USD 800 milioni . Il totale dell'opera, fino a San Nicolás, avrà un valore stimato di USD 2.000 milioni.

Come appreso da Infobae, la prima parte sarà finanziata come segue: la metà sarà offerta come debito ai tassi di mercato dallo Stato nazionale (attraverso il Fondo di garanzia di sostenibilità, FGS, di Anses); 200 milioni di dollari saranno a carico di OPIC (Corporation for Private Investment Abroad negli Stati Uniti); e i restanti 200 milioni di dollari pagati dal vincitore dell'offerta, che avrà il contratto per 35 anni e sarà in grado di fissare i prezzi.

Per quanto riguarda le società interessate, potrebbero essere azionisti di TGS (Pampa Energía; Petrochemical Investment Group, della famiglia Sielecki; WST, del gruppo Werthein; e PCT), TGN (Tecpetrol, di Techint; General Fuel Company, RPM Gas ) e, infine, uno dei produttori di petrolio e gas di Vaca Muerta.

Inverno del 2021

Secondo fonti ufficiali, l'obiettivo è che la costruzione della prima fase del gasdotto sarà completata entro l'inverno del 2021, che consentirà di sostituire il gas naturale liquefatto (GNL) - che ancora entra attraverso il porto di Escobar - con una produzione interna di circa USD 240 milioni all'anno.

"Tra il 2006 e il 2013, l'Argentina è passata da un avanzo commerciale di 6,1 miliardi di dollari a un disavanzo di 6,9 miliardi di dollari (un'oscillazione di 13 miliardi di dollari). L'anno scorso il rosso era di 2,3 miliardi di dollari e quest'anno prevede di avvicinarsi all'equilibrio. In effetti, nella prima metà dell'anno la bilancia commerciale è stata negativa a soli 126 milioni di USD quando il disavanzo ha superato 1 miliardo di USD nei primi 6 mesi del 2018 ", dettagliato dal Tesoro.

La posa andrà da Tratayén - a Neuquén - all'impianto di compressione di Saturno - nelle vicinanze della città di Salliqueló (provincia di Buenos Aires), a 570 km. Quindi, ci saranno altri 470 km. a San Nicolás. 

Avrà una capacità iniziale minima di 15 milioni di m3 / giorno in una prima fase.
(ICE BUENOS AIRES)