Restituita stringa vuota

Affari in corso

22 AGOSTO 2019

15:35 - Argentina

LA PROVINCIA DI MENDOZA PRESENTERÀ A SETTEMBRE LA GARA PER LA DIGA PORTEZUELO DE
l Viento

(ICE) - ROMA, 22 AGO -

Con i fondi in mano, la provincia di Mendoza intende presentare una gara a settembre per la diga di Portezuelo del Viento

Dal Ministero provinciale dell'energia e delle miniere sperano di lanciare il bando di gara nella seconda metà di settembre. Il mega lavoro da 210 MW richiederà oltre 1 miliardo di dollari e produrrà energia sufficiente per 130.000 case.

Venerdì scorso è stato raggiunto un traguardo molto importante per il futuro della diga idroelettrica di Portezuelo del Viento. Il governo nazionale ha emesso le obbligazioni in dollari (Letes) per la Provincia di Mendoza che potenzierà la costruzione del mega lavoro da 210 MW.

“Non è una garanzia minore perché le Letes sono già depositate e contabilizzate nelle mani della Provincia. L'intero processo legale è terminato ”, ha celebrato il Governatore di Mendoza, Alfredo Cornejo, in dialogo con il portale di notizie Los Andes.

Questa garanzia finanziaria consentirà, gradualmente, alla Provincia di ricevere i fondi fino a raggiungere i 1.023 milioni di dollari, costo totale dei lavori. L'ultima erogazione verrà effettuata nel 2024.

Per quanto riguarda la gara della diga, Emilio Guiñazú, sottosegretario all'energia e alle miniere, ha affidato al portale Energia Estrategica on line che stanno lavorando per lanciarla "appena possibile".

"Vogliamo che le offerte vengano fatte a settembre, probabilmente durante la seconda quindicina", ha sottolineato il funzionario.

Ci sarà un periodo di 5 / 6 mesi per la preparazione delle offerte. Per la costruzione della diga si prevede un periodo di circa 5 anni fino a quando non sarà operativa.

Il mega lavoro

Va notato che il progetto idroelettrico di Portezuelo del Viento prevede la costruzione di una diga in calcestruzzo compattato a rulli alti 178 metri, con una capacità di serbatoio di 1940 ettometri cubici (hm3) e una centrale idroelettrica associata con una potenza installata di 210 MW (tre turbine Francis da 70 MW ciascuna). Si stima che queste opere costeranno 606 milioni di dollari.

Inoltre, 250 chilometri di linea elettrica saranno costruiti da Portezuelo a Malargüe e alla stazione di trasformazione Río Diamante, dove entra nel sistema interconnesso. Gli investimenti sono valutati a 152 milioni di dollari.

Allo stesso modo, il progetto richiederà riprogrammare 41,8 chilometri della Rotta Nazionale 145, che collega la Rotta Nazionale 40 con il Passo Internazionale Pehuenche, e modifiche alla Rotta Provinciale 226 (al Passo del Planchón Vergara). I nuovi percorsi costeranno circa 206,7 milioni di dollari.

15,5 milioni di dollari saranno anche stanziati per trasferire circa 50 case situate nelle immediate vicinanze della diga.

Secondo i calcoli ufficiali, l'impianto genererà 889 GWh di energia all'anno, sufficienti a fornire circa 130.000 abitazioni.
(ICE BUENOS AIRES)