MISE Foreign visitors
Campus Formativo Newsletter Promozionale Sala Stampa Export Club
Romania
Panorama Internazionale

02 MAGGIO 2017

08:14 - Romania

LA COMMISSIONE EUROPEA DEFERISCE LA ROMANIA ALLA CORTE DI
GIUSTIZIA PER LA MANCATA ADOZIONE DELLE MISURE RELATIVE AI RIFIUTI

(ICE) - ROMA, 02 MAG - La Commissione Europea ha deferito la Romania alla Corte di giustizia dell’UE per non aver rivisto e adottato il proprio piano di gestione nonché di prevenzione della formazione dei rifiuti, in conformità con la Direttiva-quadro riguardante i rifiuti (Direttiva 2008/98/UE) e con l’economia circolare. In un comunicato stampa del 27 aprile la Commissione Europea dichiara che, nonostante gli avvertimenti precedenti, le autorità romene non sono riuscite a rivedere e aggiornare il loro piano di gestione dei rifiuti e di prevenzione della formazione dei rifiuti. Questa revisione avrebbe dovuto essere fatta entro il 2013. La Commissione ha avviato la procedura d’infrazione a settembre 2015 e ha inviato nel 2016 un parere motivato alla Romania, sollecitando le autorità ad adottare con celerità questi strumenti di base richiesti dalla legislazione sui rifiuti. La Romania è uno degli ultimi paesi nella graduatoria UE per quanto riguarda la gestione dei rifiuti municipali, con un tasso di utilizzo delle discariche del 72%, molto più alto della media europea che nel 2015 era del 25,6%. La direttiva quadro in materia di rifiuti mira a proteggere la salute umana e l'ambiente riducendo al minimo gli impatti negativi della produzione e della gestione dei rifiuti. La direttiva si prefigge inoltre di ridurre l'uso delle risorse e si concentra sugli aspetti della prevenzione, del riutilizzo e del riciclaggio, contribuendo così a un'economia maggiormente circolare. Gli Stati membri erano tenuti ad adottare piani nazionali per gestione di rifiuti entro il 12 dicembre 2010 e programmi per la prevenzione della formazione dei rifiuti entro il 12 dicembre 2013. Inoltre, gli Stati Membri devono rivalutare i loro piani di gestione dei rifiuti ogni sei anni e modificarli, se opportuno. (ICE BUCAREST)

Dove siamo